Alexa – come saranno gli acquisti del futuro

Indice Articolo

«Alexa… Come si uccide un brand? »

Dal 2015 Amazon ha introdotto sul mercato i dispositivi “Amazon Echo” dei cilindri a forma di altoparlante dotati di intelligenza artificiale soprannominata “Alexa”, che prende il nome dalla biblioteca di Alessandria.

L’assistente personale permette all’utente di richiamare musica, fare ricerche sul web e ottenere risposte alle sue domande grazie a un potente software di riconoscimento vocale. 

Basta dire: «Alexa, aggiungi al carrello…» per acquistare e ricevere in tempi brevissimi il prodotto desiderato. 

Alexa diventa più intelligente ogni volta che la si usa, un bel vantaggio per il cliente e ancora di più per Amazon: i clienti si fidano dell’azienda a tal punto che le permettono di ascoltare le loro conversazioni e di raccogliere i dati sui loro consumi. In questo modo l’azienda può conoscere meglio di qualsiasi altra la vita privata e i desideri dei consumatori.

Tutto lascia pensare che sfruttando queste conoscenze Amazon punti a implementare gli «ordini con zero click» in tutte le proprie operations. Tra non molto Amazon risponderà ad ogni esigenza materiale senza la fatica di dover decidere o ordinare. Possiamo chiamare questo metodo «Prime al quadrato». 

Alexa offre inoltre prezzi più bassi su molti prodotti se ordinati con la voce anziché con un click. In categorie importanti, come le batterie, l’assistente vocale suggerisce Amazonbasics, la private label dell’azienda che attualmente rappresenta un terzo di tutte le batterie vendute nonostante l’azienda venda batterie di numerosi marchi.

I brand da sempre rimandano a una serie di associazioni mentali tramite cui i clienti si orientano all’interno dell’offerta sul mercato. I prodotti di largo consumo come Coca-Cola hanno speso miliardi e decenni di lavoro per costruire il proprio brand tramite i messaggi, il packaging, il posizionamento nei negozi, i prezzi ed il merchandising. Ma quando le abitudini d’acquisto migrano online, questi elementi sono molto meno importanti. Non c’è visual merchandising, non ci sono espositori accuratamente collocati nei supermarket.

La tecnologia vocale, fa perdere ulteriormente importanza a quegli attributi del brand che sono costati tanti soldi e tanta fatica.

Ordinando tramite la voce infatti, i consumatori non conoscono il prezzo e non vedono il packaging ed è meno probabile che includano il nome del brand nella loro richiesta. 

La morte, per i brand, ha un nome: Alexa.

I consumatori andranno sempre meno nei negozi in cerca di prodotti, perché sarà più facile ordinarli comodamente a casa da Amazon che a sua volta sta costruendo il proprio monopolio negli acquisti online.  

La soluzione? investire sulle persone!

I retailer come Sephora non sono spacciati. Le persone nell’era dell’abbondanza non si recano nei punti vendita per acquistare, ma per avere esperienze, parlare con esperti che sappiano cogliere le loro esigenze specifiche. 

Per approfondire temi come questo, non puoi mancare alla nuova edizione dei Digital Innovation Days, clicca qui per acquistare il tuo biglietto e inserisci il codice sconto Didyou30 per avere il 30% di sconto.  

Eleonora Bracaglia

Brand Ambassador Digital Innovation Days20

è la tua occasione, inserisci il coupon in checkout per avere subito lo sconto del 10%

Giorni
Ore
Minuti
Secondi

INNOPOP10

ATTENZIONE vedrai questo sconto 1 sola volta!

Cart
  • No products in the cart.